Fonti PostScript

possibile sostituire le fonti LaTeX standard con quelle PostScript (ovviamente se si dispone di una stampante adatta), facendo ricorso ai seguenti package (tutti utilizzano Courier come fonte non proporzionale):
bookman:
fonti Bookman e AvantGarde (per \textsf);
newcent:
fonti New Century Schoolbook e AvantGarde (per \textsf);
palatino:
fonti Palatino e Helvetica (per \textsf);
palatcm:
fonti Palatino e CM (per il modo matematico);
times:
fonti Times e Helvetica (per \textsf);
mathptm:
fonti Times per il modo matematico;
Come esempio, questo documento fa uso dei package times e mathptm.

Questi sono i set di caratteri delle fonti PostScript elencate sopra.

Ci sono altre due fonti speciali, Symbol e Zapf Dingbats, che possono essere utilizzate usando il package pifont , che definisce i seguenti comandi.

Gli stessi comandi di sopra, ma con i caratteri della fonte Symbol (vedi la tabella seguente), vanno definiti nel preambolo in questa maniera:
\newcommand{\symb}{\Pisymbol{psy}}
per il comando \symb, analogo a \ding.
\def\symbfill#1{\leaders\hbox
   {\makebox[0.2in]{\Pisymbol{psy}{#1}}}
    \hfill}
\def\symbline#1{\Piline{psy}{#1}}
per i comandi \symbfill e \symbline, analoghi a \dingfill e \dingline.
\newenvironment{symblist}[1]
  {\begin{Pilist}{psy}{#1}}%
  {\end{Pilist}}
per l'environment symblist, analogo a dinglist.

Codici dei caratteri ZapfDingbats e Symbol

Infine la tabella seguente contiene i codici di tutti i caratteri delle fonti PostScript"normali", ottenibili con il comando \charn, dove n il numero riportato nelle colonne di destra.

Codici dei caratteri PostScript normali


Sezione di Firenze

Roberto Cecchini
Commenti a: cecchini@fi.infn.it

Revised: June 18, 1996
URL: http://www.fi.infn.it/pub/tex/doc/html/latex_16.html