amsmath

Fornisce nuovi comandi ed environment per: Il package può essere richiamato con una o più delle opzioni seguenti (i default sono in grassetto): Le opzioni sequenti vengono riconosciute da amsmath, ma di solito si specificano nel comando \documentclass

Allineamento di formule

Per la scrittura di formule matematiche sono disponibili i seguenti environment (equation e eqnarray sono gli unici due presenti nel LaTeXstandard): Gli environment con * producono formule senza numero.

A differenza del LaTeX non sono possibili cambiamenti di pagina all'interno di una formula su più righe, a meno che non vengano esplicitamente permessi con i comandi \displaybreak o \allowdisplaybreaks. Il primo deve essere inserito immediatamente prima del \\verb dove si vuole che abbia effetto, il secondo nel preambolo del documento. Analogamente a \pagebreak, è possibile specificare un argomento opzionale, da 0 a 4, che indichi la desiderabilità del cambiamento di pagina (\displaybreak[4], il default, lo forza).

La tabella seguente mostra esempi d'uso degli environment sopra elencati (le barre verticali rappresentano il bordo della pagina).

equation* e equation
split
multline
gather
align
alignat(1)
flalign
cases(2)

Numerazione delle equazioni

Come già detto l'uso degli environment con * sopprime la numerazione delle equazioni. In aggiunta il comando \notag prima di \\ sopprime la numerazione della singola riga, mentre \tag{<label>}, dove <label> è una stringa qualsiasi, permette una numerazione "personalizzata" (\tag*{<label>} sopprime le parentesi intorno a <label>, cfr. l'esempio di alignat).

Il comando \numberwithin fa sì che le equazioni siano numerate progressivamente all'interno di una sezione. Ad es., il comando (con la classe article) \numberwithin{equation}{section} produce una numerazione del tipo: (1.1), ..., (2.1), ....

Esiste il comando \eqref, specifico per fare riferimento ai numeri di equazione, che provvede all'inserimento automatico delle parentesi prima e dopo il numero.

Infine viene anche definito un environment subequations che consente una numerazione subordinata. Ad esempio

\begin{subequations}
   ...
\end{subequations}
fa sì che tutte le equazioni comprese ricevano una numerazione del tipo (4.9a), (4.9b), ..., se il numero precedente era (4.8).

Inserimento di testo

Il comando \text serve per inserire frasi all'interno di formule. È analogo al \mbox del LaTeX, ma con il vantaggio che non è necessario specificare la dimensione dei caratteri, ad es. per inserire una frase in un indice.

\intertext serve invece per inserire qualche riga di testo all'interno di un environment di allineamento senza che si perdano le tabulazioni.

Ad esempio

\begin{align*}
  A_1 &= N_1 - \phi\\
  A_2 &= N_2 - \phi\\
  \intertext{mentre}
  A_3 &= N_3.
\end{align*}
produce

Se si desidera solo questa funzionalità si può utilizzare invece il package amstext.

Comandi vari

Matrici

Gli environment matrix, pmatrix, bmatrix, vmatrix e Vmatrix sono simili a array, ma senza bisogno di specificare il formato delle colonne. Il massimo numero di colonne ammesso è definito dal contatore MaxMatrixCols (10 per default), che può essere cambiato con \setcounter o \addtocounter. Ad es. i comandi:
A = 
  \begin{<env>}
    a_{11} & a_{12} \\verb
    a_{21} & a_{22}
  \end{<env>}
dove <env> è uno degli environment di sopra, producono:

smallmatrix produce una matrice adatta per una formula all'interno del testo (senza delimitatori): ad es.

\hdotsfor{<num>} produce una fila di punti larga <num> colonne.

Spaziatura

Tutti i comandi di spaziatura sono robusti, possono cioè essere usati in qualsiasi environment senza bisogno di \protect, e hanno effetto anche in modo non matematico.
C. ABBREVIATO C. ESTESO
\, \thinspace
\: \medspace
\; \thickspace
\quad
\qquad
\! \negthinspace
\negmedspace
\negthickspace

Frecce

Il LaTeX standard fornisce i comandi \overrightarrow e \overleftarrow, per completare l'insieme sono stati aggiunti quattro nuovi tipi di frecce, di lunghezza variabile a seconda dell'argomento e che possono essere usate negli indici o esponenti: \overleftrightarrow, \underrightarrow, \underleftarrow e \underleftrightarrow

Ad esempio:

\[\overrightarrow{\psi_\delta(t) 
              E_t h} =
  \underleftarrow{\alpha_\delta(t) 
              E_{\overrightarrow{K}} \]
produce

Punti

Il nuovo comando \dots è quasi sempre in grado di determinare automaticamente il posizionamento dei punti. Negli altri casi (ad es. alla fine di una formula) sono disponibili i comandi \dotsc (punti con virgola), \dotsb (punti con operatore binario), \dotsm (punti di moltiplicazione) e \dotsl (punti con integrale).

Ad es. $a_1+a_2+\dots+a_n$ e $a_1,a_2,\dots,a_n$ producono rispettivamente:

Accenti

I seguenti comandi forniscono un miglior posizionamento degli accenti doppi (sono gli stessi del LaTeX, ma con la prima lettera maiuscola):
\Hat    \Check  \Tilde  \Acute  \Grave
\Dot    \Ddot   \Breve  \Bar    \Vec  
(notare ad es. la differenza tra (\hat{\hat A}) e (\Hat{\Hat A}).

Infine \dddot e \ddddot producono accenti con tre e quattro punti.

Formule incorniciate

Il comando \boxed produce una formula incorniciata (analogamente a \fbox in modo non matematico). (Per un esempio vedere il paragrafo seguente).

Frecce estensibili

I comandi \xleftarrow e \xrightarrow producono frecce che si estendono automaticamente: hanno un argomento opzionale e uno obbligatorio (anche vuoto).

Ad esempio

\[ \boxed{
   A \xleftarrow{F_k} B \xrightarrow[T]{n} 
     C \xrightarrow[\alpha]{} D \]}
produce:

Posizionamento

In LaTeX esiste il comando \stackrel per posizionare un simbolo sopra una relazione binaria. I nuovi comandi \overset e \underset permettono la stessa cosa con qualunque tipo di simbolo.

Ad esempio,

\[ \overset{a}{\underset{b}{X}} \]
produce

\sideset consente invece il posizionamento di simboli ai lati di un operatore di grandi dimensioni.

Ad esempio,

\[\sideset{^a_c}{^b_d}
   \prod_{n<k,n\:{\text pari}} 
        n E_n \]
produce

Infine \substack permette di inserire più di una riga come indice o esponente. Ad es.:

\[\sum_{\substack{0 \leqslant i \leqslant m \\ 
                  0 \leqslant j \leqslant m}}
   P (i, j)\]
produce

Frazioni & C.

I comandi \dfrac e \tfrac sono abbreviazioni di \displaystyle\frac e \textstyle\frac, rispettivamente. Inoltre al comando \frac è possibile specificare come argomento opzionale lo spessore della riga (ad es. \frac[1.5pt]{a}{b}).

Per le espressioni binomiali esistono i comandi \binom, \dbinom e \tbinom (equivalenti a \displaystyle\binom e \textstyle\binom rispettivamente).

Per le frazioni continue esiste il comando \cfrac, con argomento opzionale l o r per un migliore posizionamento del numeratore

Ad esempio, l'espressione

\[\cfrac{1}{\sqrt{2}+
  \cfrac{1}{\sqrt{2}+
   \cfrac[l]{1}{\sqrt{2}+
    \cfrac[r]{1}{\sqrt{2}+ \dotsb
}}}}\]
produce:

(notare l'uso di \cfrac[l] e \cfrac[r] per il posizionamento del numeratore).

Delimitatori

Oltre al meccanismo standard LaTeX per i delimitatori a grandezza variabile (\left e \right), esistono i seguenti nuovi comandi \bigl, \bigr, \Bigl, \Bigr, \biggl, \biggr, \Biggl e \Biggr.

Operatori

Il LaTeXprevede dei comandi specifici per i più frequenti operatori, ad es. \sin, che vengono stampati in carattere rotondo. Il comando \DeclareMathOperator (da usare nel preambolo) permette di definire nuovi nomi di operatori. (Esiste anche \DeclareMathOperator*, analogo al precedente tranne che per il posizionamento degli indici e degli esponenti).
\DeclareMathOperator{\xxx}{xxx}  
\DeclareMathOperator*{\yyy}{yyy}
\[ \xxx^y a \qquad \yyy_x^y a\]
producono:

Se si desidera solo questa funzionalità si può utilizzare invece il package amsopn.

Grassetto

Il comando \boldsymbol stampa numeri e altri simboli matematici in grassetto (per le lettere latine si usa \mathbf).

Se con \boldsymbol non si ottiene l'effetto desiderato, si può ricorrere a \pmb ("poor man bold"), che stampa più copie dello stesso simbolo leggermente sfalsate.

Se si desidera solo questa funzionalità si può utilizzare invece il package amsbsy.

Integrali

\iint, \iiint, \iiiint e \idotsint producono i seguenti integrali multipli:

rispettivamente.


Sezione di Firenze

Roberto Cecchini
Commenti a: cecchini@fi.infn.it

Revised: June 18, 1996
URL: http://www.fi.infn.it/pub/tex/doc/html/latex_9.html